Recensione "Dai diari di un capitano dell'aria. Il tesoro di Smiley" di Federico Grasso e Marco Calvi



Benvenuti cari lettori! Come state?
L'estate sta giungendo al termine ahimè ma c'è ancora tempo per un'avventura! Preparatevi a salpare con l'aeronave del Capitano Polluce.. una storia fantasy divertente arrichita dalle spledide illustrazioni di Marco Calvi. Da amante dell'arte e studiosa di libri per bambini e illustratori non potevo non citare il disegnatore e le sue stupende tavole, andate subito a consultare il suo sito e i suoi social, facciamolo conoscere al mondo il più velocemente possibile! Ringrazio infinitamente la casa editrice per avermi inviato la copia del romanzo e avermi permesso di intraprendere questa mirabolante avventura!



TITOLO:
Dai diari di un capitano dell'aria. Il tesoro di Smiley

AUTORE:
Federico Grasso

EDITORE:
Nativi Digitali

PAGINE: 130

PREZZO: 3,99€

GENERE:
Fantascienza, Steampunk

Link all'acquisto!

Trama:
«Quello che state per leggere è il mio diario, il diario del buon vecchio, ma non così vecchio, Capitano Polluce: vaporsaro, viaggiatore, filosofo e combattente.»
«Non scordare modesto.»
«Zitto, giornalista! Dicevo: il libro che state per leggere racconta le avventure mie e della mia ciurma sgangherata, gli inseguimenti, gli amori interspecie. Braccati dalla Confederazione delle Cinque Città, solchiamo le correnti del cielo in questo mondo desertico pieno di mostri.»
«I barzubi sono carini, però, con le guanciotte rosa!»
«Contessa, la prego, sto cercando di fare un discorso serio.»
«Ah-uhm, eh già, per lui non è facile fare un discorso…»
«Comunque, vi starete chiedendo chi sia Smiley e in cosa consista il tesoro. Be’, non voglio rovinarvi la sorpresa, ma se quello che cercate è un romanzo d’avventura dai ritmi serrati, dell’umorismo un po’ Guruvengo e, soprattutto, se siete dei ragazzi che ancora non hanno smesso di sognare, allora questo libro fa per voi.»
«Quindi potete comprarci e basta, anziché leggere il riassunto.»
«Amy, non essere scortese coi lettori! Aspetta almeno che ci abbiano pagato. E voi, che aspettate ad arruolarvi? Che qui si accettano persino i bradipi!»
Tutti sul ponte! Lucidare i fucili, issare le ancore, controllare la bussola... è il momento di far salpare l'aeronave e partire per una spumeggiante avventura!
Preparatevi a conoscere la ciurma di Capitan Polluce e ad entrare in un mondo steampunk intrigante e misterioso, ricco di personaggi interessanti e creature inaspettate: se avete amato Star Wars, One Piece, Abenobashi e Carnival Row non potete farvi sfuggire questa occasione! Finalmente uno Steampunk degno di nota, mai noioso, ricco di elementi e personaggi ben caratterizzati tipici dello stile, che non risulta un'accozzaglia di stili e elementi: è preciso, accurato, divertente, scorrevole, con un buon wordbuilding e una buona costruzione di personaggi, linguaggi e "razze" alternative. Assolutamente promosso!
E' un'opera ben riuscita non solo nello stile e nella narrazione ma anche nella grafica: le illustrazioni di Marco Calvi sono qualcosa di meraviglioso, evocativo e accurato che non solo ci aiutano ad entrare nel mondo di Polluce e a vivere l'aeronave in prima persona ma rendono accattivante la lettura mantenendo, anche con le immagini presenti all' inizio di ogni capitolo, l'attenzione del lettore sulla storia e sullo stile. Ho di recente studiato la figura degli illustratori partendo dalle origini ovvero dai figurinai, veri e propri artisti e pittori chiamati a creare piccole opere con pochi tratti, puliti di china, fino ad arrivare a illustratori più contemporanei come Lisbeth Zwerger, Maurice Sendak, Valeria Docampo, Lorenzo Mattotti, Roberto Innocenti e così via... tutti autori con con stili diversi e indimenticabili ma un'unica cosa in comune: l'emozione e la sensazione di wow. Sensazione che ho ritrovato di primo acchito nelle illustrazioni di Marco Calvi: un tratto pulito, dai colori definiti e dalla ricercatezza del personaggio non indifferente. Ho veramente apprezzato ogni singola tavola e mi piacerebbe davvero un giorno ritrovare in libreria albi illustrati che riportano il suo nome per poter tramandare la bellezza artistica ai bambini per coltivare la creatività. Come si evince da questo uno dei punti forza di questo romanzo è proprio la scelta azzeccata di insire le illustrazioni di tale arista all'interno della lettura... well done!
Chiaramente non è l'unico punto forte del romanzo: la freschezza e la genuità con cui si svolgono le vicende e la caratterizzazione dei personaggi sono sicuramente punti chiave. Ho adorato le descrizioni contenute all'interno della narrazione: non troppe, non pesanti, ma precise e sufficienti. Ero anch'io sull'astronave alla ricerca di Smiley!
Storia divertente ad avventurosa, scorrevole e piacevole arrichita dalla giusta dose di stravaganza e mistero: un'avventura indimenticabile ed adrenalinica! Mi piacerebbe davvero vedere un film d'animazione o una serie animata ad esso ispirata, credo che potrebbe davvero essere un successo... magari nello stile disney come "il pianeta del tesoro".
Federico Grasso ha creato un nuovo mondo da zero e non ha tralasciato nulla: popolazioni, nomi, mappe, culture, dialetti... ogni cosa è al suo posto, il tutto inserito all'interno di uno stile steampunk impeccabile.
E i colpi di scena? Oh non mancano di certo... si susseguono uno dopo l'altro, nulla è mai come sembra: come ogni storia di pirati che si rispetti l'adrenalina è al primo posto, non vi annoierete di certo durante la lettura.. vi dico solo che l'ho terminato in meno di due ore.
I personaggi sono piccole macchietta a tutto tondo, indimenticabili nel loro essere: Polluce è il classico Capitano di sventura, smemorato e fuori dalle righe.
Amy è la giovane avventuriera senza la quale i nostri protagonisti avrebbero avuto parecchi problemi in più... ammettiamolo una donna nel gruppo serve sempre, Hermione docet!
Pherfinfrenfarf, o come si scrive, è senza alcun dubbio il mio preferito: un piccolo bradipo tutto fare a tratti logorroico ma indispensabile... io ne vorrei uno in casa con me!
Nel complesso si è quindi rivelata una lettura entusiasmante, più che piacevole, divertente e adrenalinica.. che dire direi che le 5 zampette sono più che meritate e commentano l'opera da sole non trovate?
Che altro dire... procuratevi questo romanzo al più presto e preparatevi a salpare con il Capitan Polluce e ad aggiungervi alla sua ciurma!
Sciogliete le ancore ciurmaglia!


CONSIGLIATO: Si
VOTO:


Best Wishes ♥
Lu

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione "Liberi di Scegliere" di Giacomo Campiotti

Recensione "Gli Squali" di Giacomo Mazzariol

Recensione "Racconti di amori e solitudini" di Dante Zucchi